Informativa

Questo sito utilizza cookie, accedendo a qualunque elemento di questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più clicca qui.

 

Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia
Visita il canale youtube dell'Irsml          Visita la pagina Facebook dell'Irsml FVG  

Irsml FVG

irsml@irsml.eu

Telefono:
chiama+3904044004

Fax+39 0404528784

Notizie e Eventi

20/03/19 "Le incertezze britanniche", Giulia Bentivoglio - Storia in città 2019
Giovedì, 14 Marzo 2019
Mercoledì 20 MARZO 2019, alle 16.30, presso...
Europa: integrazione o disintegrazione?
Venerdì, 08 Marzo 2019
Storia in città 2019 Europa: integrazione o...
Chiusura Istituto dal 18/03 al 22/03 2019
Lunedì, 18 Marzo 2019
Si comunica che per impegni del personale dal 18...
Vademecum per il Giorno del Ricordo
Martedì, 22 Gennaio 2019
VADEMECUM PER IL GIORNO DEL RICORDO   Ogni anno,...

I Quaderni di Qualestoria

 

Adriano Andri, Giulio Mellinato, Scuola e confine. Le istituzioni educative della Venezia Giulia 1915-1945 

 

Si ricostruiscono qui,su una base documentaria di prima mano,le vicende ben più tormentate,rispetto al resto di Italia,della scuola giuliana appena redenta dove i vecchi mali del sistema vigente nel Regno si assommarono ai tanti problemi esistenti a livello locale.Che fine avrebbero fatto il maturo regime di autonomie cresciuto nell'antico Litorale e,in generale,il notevole livello di modernizzazione che lo contraddistingueva? Di contro l'orizzonte culturale delle scuole giuliane tendeva vieppiù a chiudersi negli angusti limiti dell "difesa nazionale". Osservava Augusto Monti alla fine del 1923 

 

Galliano Fogar, Marina Rossi, Sergio Ranchi, Guadagnavo sessantun centesimi all’ora... Lavoro e lotte al Cantiere S. Rocco: Muggia 1914-1966 

 

Vita sociale, lavoro, lotta politica emergono con forza dalle testimonianze degli operai di un grande cantiere, il San Rocco, costruito, nella fase asburgica, sul litorale muggesano. Gli eventi traumatici di questo secolo marchiano almeno tre generazioni vissute in funzione dello stabilimento, al cui interno, hanno dovuto apprendere, in un lungo tirocinio, insieme alla difficile arte delle costruzioni navali, le strategie di resistenza necessarie ad arginare la repressione padronale e fascista e ad affrontare, negli anni bui dell’occupazione tedesca, la guerra partigiana resa  più aspra, in questa 

Jenny Weiger, Il tempo della memoria: settembre 1943 - agosto 1944, a c. di Silva Bon

Il rinvenimento di uno scritto inedito,quasi un diario complesso e articolato,ricco di sfumature intimistiche e di riferimenti storici,diventa l'occasione per una riflessione e una contestualizzazione delle vicende trascorse da una famiglia triestina,Weiger-Ravenna,dal momento dell'occupazione tedesca di Trieste,settembre 1943,fino alla liberazione di Firenze,agosto 1944,attraverso le tappe intermedie di Venezia e Ferrara. Il saggio introduttivo vuole

 

Paolo Blasina, Vescovo e clero nella diocesi di Trieste – Capodistria 1938-1945

 

Lo studio – ulteriore esito delle ricerche intraprese dall’Istituto in collaborazione con la Provincia di Trieste – prende le mosse dal 1938, anno dell’arrivo a Trieste di Mons. Antonio Santin,  già vescovodi Fiume. Un episcopato, il suo, ben presto segnato dalle molteplici questioni sul tappeto: i rapporti tra la Chiesa ed il regime fascista, le questioni nazionali, i processi di secolarizzazione della società. Un’analisi non limitata alla città di Trieste, ma estesa al Carso e all’Istria, compresa 

 

Trieste in guerra. Gli anni 1938-1943, a c. di Annamaria Vinci

 

Il volume è il risultato della prima parte del lavoro di ricerca iniziato in Istituto nel 1990, sotto il patrocinio della Provincia di Trieste. Campeggiano al centro dell’analisi i primi anni di guerra: gli «sconfinamenti» temporali nella fase preparatoria immediatamente antecedente ed anche oltre, negli «anni d’oro» del regime fascista, sono tuttavia numerosi e deliberatamente scelti, proprio perché l’eccezionalità dell’evento - guerra  meglio si può cogliere  nella dinamica del confronto. Benché per la città gli sconvolgimenti più gravi comincino dopo, con l’occupazione nazista, con i bombardamenti del giugno 1944, con il feroce dispiegarsi di una guerra che, forse in nessun luogo come in questa zona, esalta tutti

Atlante-Dizionario del 1914/15

Quaderni di Qualestoria

quaderni di qualestoria

Fuori collana

fuori collana

Dove siamo

istituto regionale storia movimento liberazione fvg trieste

Villa Primc, Salita di Gretta 38 - 34136 Trieste (TS) - Italia
Come raggiungerci in autobus

Prima di venire:

Telefona chiama +3904044004 
o scrivici Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Materiale scaricabile

materiale scaricabile

Il Confine orientale

Archivio della memoria

Irsml FVG Trieste

Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia
Villa Primc - Salita di Gretta 38, 34136 Trieste (TS)
P.Iva e C.F. 00195210323
Tel. 040 44004
Fax 040 4528784
Orario:

Da Lunedì a Giovedì 9-13.30 , 14-16

Venerdì 9-13

Contattaci

Irsml FVG

irsml@irsml.eu

Telefono: chiama +3904044004

Fax +39 0404528784

Contatore

Visite agli articoli
995235

Orario

Si comunica che da martedì 27 dicembre 2016 fino a giovedì 5 gennaio 2017 l'Istituto rimarrà chiuso.

Tutti i prestiti in scadenza in tale periodo saranno prorogati d'ufficio.

Riapriamo lunedì 9 gennaio 2017.

Buone feste e buon anno nuovo a tutte e a tutti